TAEG tasso annuo effettivo globale

glossario

Il TAEG (tasso annuo effettivo globale) è il tasso annuo effettivo globale ed è una misura, espressa con valori percentuali, su base annua e con due cifre decimali, del costo totale del finanziamento. In modo diverso dal TAN, il TAEG è comprensivo di oneri accessori (cioè spese di istruttoria o spese di apertura pratica, commissioni varie), che il debitore deve pagare in piu agli interessi sul prestito. Il TAEG, come indicato e previsto dall’ordinamento comunitario europeo e dalla legge italiana, è il tasso di interesse al quale i flussi di erogazione verso il cliente (al netto delle spese) uguagliano i flussi di rimborso. Tuttavia la normativa relativa consente agli istituti finanziari di escludere dal calcolo del TAEG alcune spese, a Continua a leggere TAEG tasso annuo effettivo globale

Spese di istruttoria

glossario

Le spese di istruttoria sono una somma da pagare che il finanziatore mette a carico del suo cliente per coprire alcuni tipi di spese tipo quelle di valutazione o di gestione della domanda del prestito o mutuo. Nei cosiddetti prestiti garantiti vengono esposte per mezzo di un’unica soluzione ovvero quando viene erogato ed emanato il finanziamento dipendente personale e naturalmente servono per determinare e vedere quale importo massimo si possa erogare al richiedente del credito.

Spese assicurative

glossario

Il prestito dipendenti vuole che il cliente sia iscritto in modo forzato ad un’assicurazione vita e impiego per coprire un eventuale insolvenza da parte del cliente e in modo da fornire con maggior sicurezza e senza alcun rischio per il prestito. La somma di questa spesa assicurativa viene detratto dall’importo lordo gia al momento dell’erogazione del prestito, finanziamento, mutuo o leasing che sia.

Rapporto di credito

glossario

E’ un tipo di rapporto e convenzione che si ha presso le “centrali rischi” e che dispone di dati ti ogni persona, questo database ha dati personali su qualsiasi tipo di finanziamento attuale, ci sono informazioni sulla regolarità dei pagamenti e su tutte le somme che una perosona abbia mai richiesto. Viene solitamente interrogato dai finanziatori per controllare ed evitare rischi nel cedere soldi a clienti “poco seri”.

Protestati o cattivi pagatori.

glossario

Si diventa protestati o cattivi pagatori naturalmente quando non si riesce a pagare il debito maturato con le società finanziarie o quando non si riescono a restituire tutti i fondi richiesti, molte volte capita che i protestati e i cattivi pagatori siano pignorati ovvero privati di qualche loro bene come riscossione della somma da restituire agli enti finanziari che facevano capo al credito erogato. Una volta diventati “cattivi pagatori” si è inseriti nel database del CRIF ovvero la banca dati piu grande d’Italia dove si registrano tutti i dati delle persone che richiedono pagamenti o ne effettuano e a questo punto sarà difficile ottenere prestiti dato che ogni società finanziaria potrà sempre andare a vedere i dati nel databese e Continua a leggere Protestati o cattivi pagatori.

Prestito Non Finalizzato

glossario

Il prestito non finalizzato, prevede l’erogazione di una somma il cui utilizzo è totalmente lasciato alla discrezionalità del cliente. Potrà quindi essere destinata ai più svariati scopi senza che essi vengano forniti all’ente a cui viene richiesto il prestito o finanziamento. Chi può richiedere il prestito non finalizzato? Il prestito non finalizzato viene concesso in prevalenza a chi è in grado di esibire una busta paga come garanzia, di frequente viene chiesta anche la nomina di un garante o fideiussore.

Prestito finalizzato

glossario

Per prestito finalizzato si intende un finanziamento personale il cui importo è destinato in esclusivamente ad acquistare una determinata cosa solitamente che abbia un valore abbastanza elevato (per esempio acquisto di automobile, vacanze, mobili, elettrodomestici di ogni genere, spese mediche, spese per cerimonie ecc.). L’assegno erogato del prestito è intestato al venditore dell’oggetto che deve essere convenzionato con la Società Finanziaria. A volte può essere posta un’ipoteca sul bene acquistato per cui, in caso di mancata restituzione, l’ente erogante può rivalersi sullo stesso. E’ molto importante notare che questi sono molto spesso prestiti con restituzione a breve termine quindi con rata abbastamza elevata. Questo può quindi portare ad un forte rischio di accumulo di rate sul breve termine. L’offerta ad Continua a leggere Prestito finalizzato

Piano di Ammortamento

glossario

Ammortamento significa estinzione graduale di un debito, e sono applicati ai prestiti personali, auto e moto, cambializzati ecc…Stabiliti il termine durante il quale il debito deve essere pagato ed i periodi di tempo per il pagamento delle singole rate (mese, trimestre, semestre), si calcola il relativo interesse a scalare. Ognuna delle rate viene così ad essere comprensiva di capitale e interessi. Il progetto di estinzione dei debiti effettuato secondo i suddetti criteri si chiama piano di ammortamento. Di solito, i piani di ammortamento sono formati con rate mensili o trimestrali di importi uguali: la quota di interesse, in ognuna di esse comprese, viene a mano a mano a diminuire in relazione alla graduale riduzione del capitale per effetto del pagamento Continua a leggere Piano di Ammortamento

Cencellazione dei protesti

cancellazione_protesti

Articolo sulla Cancellazione dei protesti cambiari per avvenuta riabilitazione. Ai sensi dell’art.17 l. 108/1996, Disposizioni in materia di usura, il debitore che abbia adempiuto all’obbligazione per la quale il protesto è stato levato e non ne abbia subiti altri trascorso un anno dal suddetto protesto, ha diritto alla riabilitazione ad opera del Presidente del Tribunale (Carbone 1996, 321; Ntuk 1998, I, 480; Carrato 2002, 583); schematizzando, i presupposti della riabilitazione sono quindi:(a) il pagamento del titolo protestato; (b) e non aver subìto un ulteriore protesto nel corso dell’anno successivo a quello del protesto levato (o dell’ultimo, in caso di più protesti).Tali requisiti « debbono sussistere simultaneamente, avuto riguardo, quanto al secondo, al decorso dell’anno dall’ultimo protesto, in caso di più Continua a leggere Cencellazione dei protesti